La Comunicazione della Commissione al Parlamento europeo, al Consiglio, al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle regioni "Programma di lavoro della Commissione per il 2015. Un nuovo inizio" (COM (2014) 910 definitivo)

Scritto da Luciana Marino on . Postato in Articoli

Il 16 dicembre 2014 la neoeletta Commissione europea ha presentato il suo primo Programma di lavoronel quale illustra le misure e le iniziative che intende adottare nel corso del 2015.

Il programma è basato sui seguenti principi:

  • conformità agli orientamenti politici: non saranno presentate proposte che non contribuiscano alle priorità degli orientamenti politici della Commissione, e grande risalto sarà dato ai grandi temi quali la crescita e l'occupazione;      

  • applicazione della discontinuità legislativa: come accade all'inizio di ogni nuovo mandato la Commissione ha esaminato le proposte pendenti e ha predisposto il ritiro delle proposte che non sono conformi agli orientamenti politici o che hanno subito così tante modifiche nel corso dei negoziati da risultare non più aderenti agli obiettivi iniziali, nonché delle proposte sulle quali in sede negoziale non vi è stato alcun accordo;

  • alleggerimento del carico normativo: le norme dovranno contribuire all'occupazione e alla crescita e non dovranno imporre eccessivi oneri e formalità burocratiche. Per tale ragione si procederà alla revisione delle norme esistenti sulla base del Programma REFIT (adeguatezza della regolamentazione) che mira a migliorare la regolamentazione. Sarà inoltre avviato un processo di semplificazione a livello della politica agricola comune;  

modifica dei metodi di lavoro del Parlamento europeo e del Consiglio: il programma auspica una maggiore collaborazione con i due legislatori per definire le principali priorità delle tre istituzioni e accelerare così il processo decisionale. La Commissione intende inoltre collaborare maggiormente con gli Stati membri, con i parlamenti nazionali, con le regioni e con le città per garantire una migliore attuazione delle politiche esistenti. 

Il programma è composto da 4 allegati.  

  • l'Allegato 1 elenca le 23 nuove iniziative che la Commissione intende presentare nel 2015 nell'ambito delle priorità indicate negli orientamenti politici;

  • l'Allegato 2contiene le 80 proposte pendenti di cui si prospetta il ritiro o la modifica, corredate da una motivazione;

  • l'Allegato 3 elenca le 79 proposte inserite nel programma REFIT (programma di controllo dell'adeguatezza e dell'efficacia della regolamentazione della Commissione europea);

  • l'Allegato 4 elenca gli 81 atti legislativi che entreranno in vigore nel 2015.

Per quanto riguarda le iniziative che saranno presentate nel 2015, contenute nell'Allegato 1, l'impegno della Commissione europea riguarderà principalmente il completamento del piano di investimenti, la realizzazione del mercato unico digitale, la preparazione in vista di un'Unione europea dell'energia, l'elaborazione di un approccio di maggiore equità fiscale e la definizione di un'agenda europea in materia di migrazione.

Il successivo allegato 2 include 80 proposte legislative pendenti, delle quali si propone il ritiro o la riformulazione, corredate da una motivazione delle scelte della Commissione.

di Luiciana Marino

 

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookie.