Blog di Valeria Marrocco

vmarroccLa Dr.ssa Valeria Marrocco nasce a Pisa nell’anno 1975. Frequenta la Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Pisa e consegue il titolo di Laurea nel 2003.
Successivamente, vince concorso di Dottorato di Ricerca in “Diritto Pubblico dell’Economia e Processo Tributario” che svolge nella sede del Dipartimento di Diritto Pubblico della medesima Facoltà di Giurisprudenza. A decorrere dal gennaio 2006 si trasferisce per due anni a Madrid dove frequenta contestualmente, al Dottorato in "Diritto Pubblico dell’Economia e Processo Tributario”, il corso di Dottorato di Ricerca in “Derecho Financiero y Tributario” presso la Facultad de Derecho nonché il Departamento de Derecho Financiero y Tributario della Universidad la Complutense di Madrid.
Nel 2009 consegue il titolo di Dottore di Ricerca in “Diritto Pubblico dell’Economia” e quello di Dottore di Ricerca (Doctora) in “Derecho Financiero y Tributario” con una tesi di dottorato in cotutela in finanza pubblica dal titolo: "I procedimenti di bilancio: un confronto tra Italia e Spagna in chiave di stabilità". Frequenta nell’anno accademico 2003-2004 il Master in “Giurista dell’Economia e Manager Pubblico” e consegue il relativo titolo nell’anno 2004. Attualmente Cultrice della Materia di Diritto Pubblico dell’Economia (Università di Pisa), membro del Comitato Scientifico di OSECO (Osservatorio sulle Strategie Europee per la Crescita e l’Occupazione) e Comitato Scientifico di URFI (Associazione Nazionale Ufficiali di Complemento e Riservisti) nonché autrice di vari articoli di carattere scientifico in tema di finanza pubblica.


PROSPETTIVE DI CRESCITA ECONOMICA PER L'EUROPA

Scritto da Valeria Marrocco on . Postato in Riforme Economiche

Sullo scenario Europeo si assiste in questi ultimi anni alla “affannata” ricerca da parte dell’Europa e dei singoli Paesi membri ed i loro Governi, della via percorribile al fine di uscire dalla crisi che inizialmente, agli albori della stessa sembrava essere solo finanziaria, ma che si è potentemente manifestata ancora piu’ perniciosa per i conti pubblici dei singoli Paesi membri e per il benessere dei loro cittadini, in quanto propria anche dell’economia reale.

Quindi, mentre in Europa l'agenda politica-economica è attualmente dominata da attività rivolte al risanamento dei bilanci pubblici- con misure necessarie nel rispetto dei parametri Europei del deficit e debito pubblico, benché implichino enormi sacrifici dei Paesi membri andando ad incidere fortemente sulla crescita e sull’occupazione andandola a contrarre in modo stringente - e dalla difficile gestione della politica monetaria- oramai complessa e “dominata” dalle “schizzofreniche” quotidiane oscillazioni dello Spread, vale la pena mantenere viva l’attenzione sulla ricerca della crescita e della competitività: un problema a lungo termine. Sul tema si rende necessario segnalare che è stato svolto un importante lavoro, in tal senso, nato sotto gli auspici della Commissione Europea specificatamente della DG ECFIN Fellowship: iniziativa 2012-13 sul tema "Prospettive di crescita economica per l'Europa" che dovrebbero contribuire a delineare una nuova narrazione di crescita per tutta l'Europa e oltre il medio termine.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookie.